• Mi chiamo Simona Pompili, sono nata ad Ostra (Ancona), dove risiedo, e svolgo la mia attività di consulente del lavoro a Senigallia in provincia di Ancona. Sono abilitata alla professione di Consulente del Lavoro e dal 25 febbraio 2005, iscritta all’Albo dei Consulenti del Lavoro della provincia di Ancona.

    Presto la mia attività lavorativa e professionale a Senigallia (An) ed in altre realtà territoriali italiane. Nel mio lavoro quotidiano mi occupo di tutte le tematiche relative alla gestione delle risorse umane e della consulenza del lavoro diretta alle aziende. La passione per questo lavoro, o meglio per il diritto del lavoro, mi ha portata in questi anni a frequentare innumerevoli corsi di aggiornamento professionale e master in diritto del lavoro, avendo così la fortuna di conoscere lungo il mio percorso di crescita consulenti del lavoro, professori universitari e avvocati di grande prestigio a livello nazionale.

    L'amore per il diritto del lavoro l’ho coltivato grazie al Dott. Enzo De FuscoConsulente del Lavoro in Roma, noto pubblicista del Sole 24 ore, il quale mi ha consigliato e sollecitato ad avviare l'attività di pubblicista e per un breve periodo ho collaborato per una rivista del settore. Il secondo importante incontro professionale è stato con il Prof. Pierluigi RauseiDirettore della Direzione Territoriale del Lavoro di Macerata, il quale mi ha dato la possibilità di interagire all’interno del sito www.bollettinoadapt.it/forum/, in qualità di coordinatore rispondendo ad innumerevoli quesiti posti dagli iscritti al sito e la possibilità di partecipare insieme ad altri consulenti alla stesura di una guida operativa ai contratti di lavoro edito da IPSOA

    Il mio cammino professionale mi auguro sarà ancora lungo. Ogni giorno la difficile quotidianità lavorativa mi ricorda che due sono i fattori determinanti per guardare al futuro di questa professione con ottimismo e voglia di fare: passione e determinazione. Ho ancora tanto da imparare ma delle nuove sfide mi aspettano, due in particolare: mettere al servizio degli altri la mia esperienza di operatore del diritto del lavoro anche in qualità di "docente" presso enti locali, scuole, associazioni e, la montagna più difficile da scalare, il diritto del lavoro internazionale.

  • Alcuni compiti e funzioni che svolge il consulente del lavoro al servizio delle imprese:

    • gestione di tutti gli aspetti contabili, economici, giuridici, assicurativi, previdenziali e sociali di qualsiasi tipo di rapporto lavorativo (dipendente, parasubordinato, autonomo);
    • gestione dei rapporti di lavoro domestico (colf, baby-setter, badanti);
    • gestione dei rapporti di lavoro nello spettacolo;
    • gestione dei rapporti di lavoro nell'agricoltura;
    • gestione dei rapporti nella pubblica amministrazione;
    • assistenza e rappresentanza delle aziende nelle vertenze extragiudiziali (conciliazioni e arbitrati) derivanti dai rapporti di lavoro dipendente, parasubordinato e autonomo;
    • assistenza e rappresentanza in sede di contenzioso con gli Istituti Previdenziali, Assicurativi e Ispettivi del Lavoro;
    • budget del personale attraverso l'analisi dei costi delle risorse umane;
    • analisi, controllo e gestione dei costi del personale occupato presso le imprese;
    • selezione e formazione del personale;
    • consulenza tecnica d'ufficio e di parte;
    • igiene e prevenzione negli ambienti di lavoro;
    • trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali;
    • certificazione eticità del rapporto di lavoro;
    • funzioni in ambito delle segnalazioni di denuncia di attività di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo;
    • funzioni in ambito di conciliazione e arbitrato nell'ambito delle controversie di lavoro (funzioni introdotte dalla Legge 183/2010).

    Alcuni compiti e funzioni che svolge il consulente del lavoro al servizio dei lavoratori:

    • soluzione di problemi che i lavoratori incontrano nella ricerca del lavoro, nell'attività lavorativa, con gli enti previdenziali (inps, inpdap, inpgi, enasarco, etc.), assicurativi (inail), enti di previdenza complementare, nell'accesso ai servizi sociali e nei rapporti con il fisco;
    • dichiarazione dei redditi: 730, Unico;
    • IMU, cedolare secca e versamento dei tributi comunali in genere;
    • calcolo dell'ISEE per la certificazione reddituale utile per beneficiare delle provvidenze del welfare;
    • assistenza e rappresentanza dei lavoratori nelle vertenze extragiudiziali (conciliazioni e arbitrati) derivanti dai rapporti di lavoro dipendente e autonomo;
    • attraverso una mirata e puntuale consulenza, assistenza ai lavoratori sulle varie tipologie contrattuali e l'accesso al lavoro, gli ammortizzatori sociali, i diritti dei lavoratori studenti, disabili, il diritto alla maternità e paternità.
  • Il consulente del lavoro è un libero professionista che opera nell'area giuridico-economica della piccola, media e grande impresa. Figura istituzionale chiave nella consulenza e negli adempimenti amministrativi delle risorse umane.
    L'albo professionale per la categoria dei consulenti del lavoro è stato istituito con con la legge n. 1081 del 1964 e successivamente la legge n. 12 del 1979.

    La sua attività professionale comprende:

    • gestione di tutti gli aspetti contabili, economici, giuridici, assicurativi, previdenziali e sociali dei rapporti di lavoro;
    • assistenza e rappresentanza dell'azienda nelle vertenze extragiudiziali (conciliazioni e arbitrati) derivanti dai rapporti di lavoro dipendente e autonomo;
    • assistenza e rappresentanza in sede di contenzioso con gli istituti previdenziali, assicurativi e ispettivi del lavoro;
    • selezione e formazione del personale;
    • consulenza tecnica d'ufficio e di parte;
    • igiene e prevenzione negli ambienti di lavoro;
    • analisi dei costi d'impresa per la definizione del prezzo del prodotto/servizio, redazione dichiarazione dei redditi (730 e unico), dichiarazione sostituti d'imposta (mod.770);
    • certificazione eticità del rapporto di lavoro;
    • funzioni in ambito delle segnalazioni di denuncia di attività di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo;
    • funzioni in ambito di conciliazione e arbitrato nell'ambito delle controversie di lavoro (funzioni introdotte dalla Legge 183/2010);
    • curare il rapporto tra le aziende e le varie istituzioni come l'INPS, l'Agenzia delle Entrate e l'INAIL.


    Il consulente del lavoro svolge la sua missione istituzionale anche in materia contabile e nella consulenza fiscale, in particolar modo:

    • gestione aziendale: analisi, costituzione e piani produttivi, assistenza fiscale e tributaria, tenuta delle scritture contabili, controllo di gestione e analisi dei costi, redazione dichiarazione dei redditi;
    • assistenza in sede di contenzioso tributario presso le commissioni e gli uffici dell'Amministrazione Finanziaria;
    • consulenza e assistenza nelle relazioni e nei rapporti aziendali (contratti, convenzioni, etc.) di carattere obbligatorio, tipico e atipico;
    • trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali;
    • certificazione tributaria – visto pesante;
    • autentica CCIAA.


    Negli ultimi anni il consulente del lavoro ha rivestito sempre più un ruolo primario, in particolare con la grave crisi economica e finanziaria l'intervento quotidiano e la puntuale consulenza rivolta in particolare alle piccole e medie imprese, ha consentito di arginare, almeno in parte, l'ormai dilagante perdita di posti di lavoro.

    L'impegno sociale della categoria dei consulenti del lavoro è sempre più al servizio del contenimento del contenzioso, attraverso un ruolo attivo nelle conciliazioni e arbitrato oltre a quello della terzietà con la pubblica amministrazione; grazie infatti al contributo della professione del consulente del lavoro in questi ultimi anni l'inps ha accelerato notevolmente il processo di telematizzazione.

    Una professione, quella del consulente del lavoro, che deve necessariamente guardare al futuro perché, toccando molti aspetti dell'esistenza umana, dovrà mettere in rete e condividere con altri professionisti le proprie esperienze e capacità al fine di poter dare risposte concrete ai problemi che molto spesso partendo dal mondo del lavoro finiscono inevitabilmente per toccare altri ambiti della vita sociale ed economica di ognuno di noi.

    Una professione che comporta un grande senso di responsabilità, principi etici radicati, organizzazione, forte dinamismo, capacità di relazione, predisposizione a contenere il contenzioso oltre ad una naturale predisposizione di adattamento ai cambiamenti.

simona pompili scontornata small

Sei un'Impresa?

Posso aiutarti nella gestione del personale dipendente!

Sei un lavoratore Dipendente?

Posso assisterti come un patronato, ma con la flessibilità di un consulente personale!

Contattami per una consulenza